Vàca
Mucca

Animai

vàca = mucca (vacca)

la gh'à tacat gió la bronza = ha una bronza al collo

a la vàca l'è bùna de nódàa

anche la mucca è capace di nuotare

chesta chilò sòta 'l pàr che la gh'à sü li pézi

questa qui sotto sembra abbia le pezze

Chisti chilò sùra i è própi bélébée uriginàli, 'l par che ià üsat 'l penèl par pütürali

Queste qui sopra sono proprio molto originali, sembra abbiano usato il pennello per pitturarle

 

altri termini inerenti la mucca:

  • rümiàa = ruminare
  • la scorgna = usa le corna contro qualcosa o qualcuno
  • pesciàa = tirare pedate
  • sciòta o bòiascia = sterco di mucca
  • 'l pèc' de la vàca = la parte compreso le mammelle dove si deposita il latte
  • la ghà 'na vena forta = ha la vena mammaria forte e grossa (condotto per far affluire il latte al "péc'") sintomo di una mucca che produrrà molto latte
  • calcadura = infezione ai piedi della mucca che può venire quando la mucca appoggia lo zoccolo in sassi acuminati
  • an ghè fà 'n salàs ala corona = gli facciamo un salasso alla corona dello zoccolo ammalorato (al ghè vée fó ol sanch màt = gli esce il sangue guasto misto a pùs)
  • l'è schìscia = non ha mangiato (è piatta di pancia)
  • l'è 'na tóriscia = una mucca che salta addosso alle altre, in maniera ossessiva, come un toro quando queste sono feconde (in genere sono mucche sterili)
  • la va al tòr = la va al màns = è nel giorno fecondo (si palesa perchè salta sulle altre come un toro e ha perdite che indicano che è fertile)
  • l'è manzida = è stata fecondata dal toro
  • la tée ca / la ca tegnüut = non rimane ingravidata
  • la tegnüut = l'è prègna = è gravida
  • la guastàat = la tràc' fò = ha abortito
  • la smadregia = ha il prolasso uterino (l'utero che fuoriesce dalla "natüra" poco o anche a volte in maniera totale soprattutto dopo il parto)
  • la tràc' fò la madre = ha spinto fuori l'utero (c'è una apposita imbracatura per evitare questo)
  • la ghà 'l tèrmen = sono ormai 9 mesi che è gravida 
  • la strèporta = ha passato il termine della gravidanza
  • le réet, a mèt = si sta ingrossando il pec' sintomo che manca poco al parto
  • la molàat i curdù = si sono afflosciati i legamenti (tendini) ai lati dell'attaccamento della coda (manchèra poco al parto)
  • la barega = si muove con frenesia, ha le doglie
  • la pùncia = ha le spinte per il parto
  • la fàc' la vàca = la mucca ha partorito
  • l'è frèsca = ha partorito da poco tempo
  • l'è péciada = ha un grosso apparato mammario (péc')
  • la ghà giò 'l mòrbi = ha preso una forma morbosa che colpisce il pec'
  • la ghà 'n sorèl a 'na tèta = ha un dotto lattario secondario anomalo sul corpo del capezzolo 
  • manzöl = vitellone di circa uno anno
  • manza = mucca tra uno e tre anni che non ha ancora figliato ma pronta per poter essere fecondata
  • l'è 'n primaröl = primipara, mucca al suo primo parto
  • l'è sücia = non produce latte
  • l'è źòpa = è zoppa, ha problemi agli zoccoli (vedi calcadura)
  • à fàc' gió 'n coregn = l'è móta = è senza uno o entrambi le corna
  • al ghè se sfodràat 'n coreègn = gli si è rotto la parte esterna di un corno
  • l'è stèrla = non deve partorire o non partorisce da almeno un anno
  • la ghà amò 'l dintìi = indice di una mucca giovane, non gli è ancora caduto un dente che cade dopo il terzo anno di vita circa
  • la ghà na bùna rànza =  bruca o mangia il fieno in modo famelico (non è schizzinosa)
  • la ghà giò 'n fèr = ha ingerito un pezzetto di ferro (filo, chiodo o lamierino) conficcatosi nel rumine, può causare anche la morte
  • 'l ghè piasc' i öc = gli lacrimano gli occhi, sintomo di carenza di cloruro di sodio, ecco perchè alle mucche gli viene somministrato sale a manciate 
  • la ghà sü 'l pìl de mùut = ha un bel pelo lugno indice che è stata in alpeggio a temperature non alte (usato soprattutto per i vitelli)
  • li fa sóta / li fà la rènga = due mucche quando combattono puntandosi le corna a vicenda
  • 'n mùut l'era la regióra= in alpeggio era la mucca temuta da tutte le altre per la sua superiorità combattiva (fa sóta)
  • ghè ol de smocàch li óngi e pó 'mpìt a i ungìi = bisogna tagliargli le punte degli zoccoli e degli speroni (si usa la tanàia apposita)
  • l'è nüscia = cammina a fatica, è sempre l'ultima della malga nel fare percorsi
  • la và brüstiada gió, la ghà sü li cótóli = va pulita con la striglia, ha dello sterco (bòiascia) appiccicato sul pelo delle cosce
  • l'è magra sturgiüda cóma 'n pìch = è molto magra, mal ridotta come un ferro ad uncino
  • l'è bulada = è iscritta nel libro genealogico, è di razza
  • la ghà ité l'urigìi = era un bottone di ottone che veniva messo all'orecchio per indentificarle il bovino con un numero, ora usano etichette di plastica 

 

<<Le linee formate da un contro pelo setoloso ed irto sono la peggiore caratteristica perché indicano non solo un breve periodo di latte ma eziandio un latte sieroso e magro al contrario quelle di pelo corto e fino come seta come sono quelle della 1 classe e 1o ordine indicano la maggior durata del latte e la sua miglior qualità.

Si può anzi dire generalmente che le vacche più lattaje cioè quelle del 1o ordine di ogni classe hanno assai fina la cute della poppa più sottile e morbida la peluria che la riveste specialmente se dall'interno delle coste fino alla vulva la pelle è di colore giallognolo e se da essa si stacca una specie di crusca e di furfura o pulviscolo pure giallognolo.

Ove questi segni si estendano fino al pennacchio della coda indicano sempre un latte molto butirroso qualunque sia d'altronde la sua quantità giornaliera ed a qualunque classe ed ordine appartenga la vacca.>>

dal libro "Il caseificio ossia l'arte di fare il formaggio" -  1845