La scigàla e la furmìga

di Paolo Piani


La scigàla e la furmìga

(sottotitolo: al val pusé la lapa che la zapa)

A tüc' ótri al ve sarà capitàat,

'na sira de bèl tèep, 'n piena estàat,

quan-cà 'l scüur al roba ól post a la lüus,

de 'ndàa de fò de cà, propi sǜ l'üs…

 

Giusto ilura, li cicali cantàa se sènt:

magari iè nóma quatro, ma li par 'n regimènt!

Tanto li fa bel, cà al te vée da pensàa:

ma sènsa li cicali, cóma se po' fàa…

 

E tùc' a dii: santa cicala e chi l'ha 'nventada!

'l mònt l'ha progrediit par la sùa cantàda!

E ognantùu ca-i urìs bùca, a-i ne taca 'n tóchél,

e iscéa-i vanta la cicala… 'nsèma al so scervell

 

A tüc' ótri al ve sarà capitàat,

'n dì de bel tèep, 'n piena estàat,

de fàa 'n gir par la paghera de matina

en cerca de fonc u de bruchina.

 

Propi ados a 'n pèsc', en póo piacàat

truée 'n furmighèer e chi che l'ha creàat

sensa faa cagnara, ma nóma col südór,

na roba straurdinaria… 'spo dii 'n capolaór:

 

sènsa nè mòlta né ciment armàat,

sènsa fondamèet col bütüm renforsàat,

sènsa progèt e sènsa diśègn,

ma ogni tóchél mès a post con ingegn:

 

'na montagna de tecnologia,

de laòràa 'nsèma, de sinergia!

En prupursiù a-i nòš mestéer,

l'è 'n Dom de Milàa vist da 'n forestéer!

 

Ma de frónt a 'sto grànt munumèet,

cóma la se comporta de sòlèt la gèet?

Pensée cà a-i tò gió ól capèl par rèspet?

No! A-i ghè da 'na palada par dispèt!

(Paolo Piani)

La scigàla e la formica

(sottotitolo: val più la lingua che il braccio)

A voi tutti queste cose saran capitate:

durante una dolce serata d'estate,

quando la luce cede al buio il suo desco,

di uscire di casa, a prendere il fresco...

 

Proprio in quei momenti si sente un canto:

le cicale donano alla notte il loro incanto!

Tanto è armonioso che vien da pensare:

ma senza cicale, come si potrebbe sognare?

 

E tutti a dire: santa cicala e chi l'ha inventata!

Il mondo è migliore grazie alla sua cantata!

E ognuno che apre bocca, ne attacca un pezzetto,

e così vanta la cicala ... insieme al proprio intelletto!

 

A voi tutti queste cose saran capitate:

un giorno di bel tempo, in piena estate,

di fare un giro in pineta, di buon mattino,

in cerca di funghi, o di rami di pino.

 

E proprio adiacente ad un pino, un po' defilato,

trovate un formicaio, e chi l'ha creato

senza vanterie, con grande e umile costanza,

han fatto questa reggia da mille e una stanza:

 

senza malta né cemento armato,

senza fondamenta col calcestruzzo rinforzato,

senza licenza e senza alcun disegno,

ma ogni tassello posato con ingegno:

 

un concentrato di tecnologia,

di lavoro di gruppo, di sinergia!

ln proporzione alle case che noi facciamo,

sarebbe più grande del Duomo di Milano!

 

AI cospetto di questa opera sconvolgente,

come credete che si comporti la gente?

Pensate che si tolgano il cappello per rispetto?

No! Gli danno una palata, per dispetto!

 

 'l ghè nè amò