Li femmi de 'na òlta

di Vittorio Crapella 18-01-2020 


Li femmi de 'na òlta

Li femmi de 'na òlta i là mbrocada mal, 

ià pagàat li cólpi del pècat óriginal, 

iè vignüdi al mont par fàa noma s-ciéc', 

tratadi coma servi da chìi trambai de póor vèc'.

 

A bunura li 'ndava a mèśa prüma, 

col panèt sura ol cócóc' e pò li tacava ol rosari, 

chèl de tribülàa tüt ol dì a mèt alordèn i rèdès 

e pò i mestér da fàa, ghèra de 'ndàa 'par i lṍöch  

e a mò a prpeparàa ol disnàa par tüc'.  

 

La sira, quanca li gheva sogn, li gheva ol dover de fà l'amóor; 

li gheva paróli dulsi par i sànc' e par ol Signór.

Li femmi de 'na òlta a quanca iera inamoradi, 

sübet li diseva de no, ma pò col tèep iera cónteti a lóor.

 

Li creseva tòp 'mpèsa 'mèz a la gèet sensa gnàa 'na carèza.

Iera sèmpri vistidi de nigro ndèl laoràa e pò àa da la fèsta, 

'l sciàl par cuarciàs sǜ e sül cóo li meteva 'n panèt a fióor, 

l'ünech vizi de 'na quai üna l'era 'na presa de tabàch 'nsema a chèl de ciacolàa.

 

Tròp savi e buni par chi ca i fava ca giüdizi, sèmpre col cóor 'n màa.

Deli femmi de 'n bòt ai se regorda ca pü negüu, 

ma quanca ghè pensi al me vée 'mpóo ol magù 

parchè la mia nona la ma ulüut bée sensa tròpi pratesi.

De femmi de 'na òlta ormai se 'n vìt ca pǜ.

 'l ghè nè amò 

Le donne di una volta

Le donne di una volta hanno imbroccato un brutto

momento, hanno pagato le colpe del peccato originale,

sono venute al mondo solo per fare bambini, trattate

come serve da quei miserabili poveri vecchi.

 

A buonora andavano alla prima messa,

con il fazzoletto sulla crocchia e poi cominciavano il

rosario, quello di tribolare tutto il giorno ad accudire i

bambini e poi a fare i mestieri, bisogna andare in

campagna e ancora per preparare i desinare per tutti.

 

Alla sera, quando avevano sonno, avevano il dovere di fare l'amore;

avevano parole dolci per i santi e per il Signore.

Le donne di una volta anche quando erano innamorate,

subito dicevano di no, ma poi col tempo erano contente anche loro.

 

Crescevano troppo in fretta in mezzo alla gente senza neppure una carezza.

Erano sempre vestite di nero nel lavoro e poi anche nelle feste,

lo scialle per coprirsi e in testa si mettevano un fazzoletto a fiori,

l'unico vizio per alcune era una presa di tabacco assieme a quello di chiacchierare.

 

Troppo savie e buone per quelli che non facevano giudizio, sempre con il cuore in mano.

Delle donne di una volta non si ricorda più nessuno,

ma quando ci penso mi viene un po' il magone

perché la mia nonna mi ha voluto bene senza troppe pretese.

Di donne di una volta ormai non se ne vedono più