Òl leù vec', òl cinghial, ól tòor e l'àsèn

di Paolo Piani


ÒL LEÙ VEC’, ÒL CINGHIAL, ÓL TÒOR E L’ASEN

Véc’ sfinìit e urmai sènsa fiàat, 'l pör leù l’era gió bass, tüt slongàat.

Avendol vist col rosari en màa, ‘na grànt zampada òl cinghial al ghà rifilàa;

e àach 'l tòor ‘na grànt corgnada, al ga 'nfilàat tra cör e corada. 1)

L’àsèn, quanc ca la-idût ca se podeva fala franca, al se fàc' avanti con büca sganasciada;

 sǜ  la cràpa del leù la molàat na gràn pesciada: “damela en dréet, sa òl coragio no’l te manca!”

Òl pör leù, entàat ca al tirava i ültèm, al pènsa: "pòro mi se àach n’àsèn la perdüt la reverènsa!"

(Paolo Piani)

1) Corada: polmoni

 

'l ghè nè amò

IL VECCHIO LEONE, IL CINGHIALE, IL TORO E L'ASINO

Chi perde il suo prestigio, anche il più vile si prende gioco della sua caduta.

Sfinito dagli anni e abbandonato dalle forze, il leone languiva a terra e covava la sua fine;

A vendicarsi contro di lui venne il cinghiale che gli sferrò un fulmineo colpo di zanne.

Poi venne il toro che con le corna micidiali trafisse il corpo del suo nemico.

L'asino, non appena vide che la fiera poteva essere aggredita impunemente, lo colpì con un tremendo calcio nella fronte.

Allora il leone, spirando disse : " Con amarezza ho sopportato l'assalto di quei forti, ma dopo il tuo colpo, vergogna della natura, mi sembra di morire due volte. " (Fedro)