Ol scosàal dèla nòna

di Paolo Piani - 01 novembre 2019


ÓL SCOSÀAL DÈLA NÒNA

Ol scosàal de la nòna l’era n’istituziù,

tüti a-i le portava, sènsa fàa eceziù:

al fava mila servizi, mila mèrec’ al ghéva,

gnàa da la fèsta, fan a meno ‘spodeva!

 

Prüm de tüt la vistina al riparava,

ca sóta de lüü quatada la stava,

‘mpǜ al ghéva ‘na bèla scarsèla,

‘ndùa mèt-gió ol panèt e la mèla;

 

Al sirviva da guant par ciapàa en màa

‘na padèla scotèta, da sùra ol fuglàa,

e quai bòt par sügac-gió a ‘n rèdes i gutulù

quancà ‘l se fava ciapàa da la pasiù,

 

ù netàc-gió ol müsìi stróc e süàat,

parché senò la mama la garìs baiàat …

(… al gheva a ‘n’anèma delicada

‘sto tochèl de stofa en vita ligada!);

 

ù fai giügà a Momòo cèt!

col scosàal sül müs, töö e rimèt,

ù piacai sa en forèst al ruàva,

col quatàch sóta la facìna spàva.

 

Ma tüc’ i dì al regalava ‘na nuvità,

'n rimedi sücüur par ogni necessità:

al sirviva par tó-fó i ööf da la gnada,

e portai a cà sènsa fàa ‘na fritada,

 

o spostàa i puìi de sciüta, pèna sgüsciàac’,

par salvai da la rabbia dei gai spodestàac’!

(… al ghè voleva bée a ogni animàal

‘stò pöor, modèst, ǜmel scosàal !)

 

E, ‘nsèma, al fava sirvizi da cistìi

par portàa a cà verzi, pòmates e züchìi;

par remàa póm e pir sóta la pianta crodàac’,

dac’ gió prüma ca tüc’ a-i fóss marüdàac’.

 

En pǜ, quant ca ‘l frec’ al ruava

par la legna del fööc, da cavàgn al fava,

ma àa da bufèt, par la brasa ravivàa

sa la fiàma l’era smòrsa 'n del fuglàa.

 

Con en colpèt da piàch, sènsa fàs notàa,

ol tàol al puliva sa ‘l Preòst ù ‘l Capelàa,

a-i ruava, a l’impruvisa, la cà a binidìi,

con la scüsa de tastàa 'n gót del nòs vìi !

 

Ma i scosài de li nóni, ligàac’ scià par mèz,

iè pasàac’ de moda urmai da ‘n gran pèz,

parché li nóni moderni, stém a sintìi,

iè quasi sempre tacadi … al telefunìi !

 

Vedi anche qui 

IL GREMBIULE (PARAGREMBO) DELLA NONNA

Il grembiule della nonna era un’istituzione,

tutte lo portavano, senza alcuna eccezione:

faceva mille servizi, mille meriti aveva,

neanche nei dì di festa, farne a meno si poteva!

 

Innanzitutto, il grembiule la veste riparava,

che sotto di lui nascosta restava,

ed inoltre aveva una comoda taschina,

dove riporre fazzoletto e roncolina;

 

serviva da guanto, con la mano per levare

una padella ardente dal focolare,

e talvolta, per asciugare ai bambini un lacrimone

quando si facevan prendere da grande emozione,

 

o pulirgli il visetto sporco e sudato,

perché magari la mamma lo avrebbe sgridato …

(… aveva anche un’anima delicata

questa pezza di stoffa in vita legata!);

 

o farli giocare a nascondino,

mettendoglielo e togliendoglielo dal musino !,

o nasconderli se uno sconosciuto arrivava,

coprendogli la faccina che di paura tremava.

 

Ma tutti i giorni regalava una novità,

un rimedio sicuro per ogni necessità:

serviva per prelevare le uova dal nido,

e portarle a casa senza alcun disguido,

 

o spostare i pulcini appena nati,

per sottrarli alla furia dei galli spodestati!

(… volevan bene pure agli animali

questi poveri, modesti, umili grembiali!)

 

E, nel contempo, serviva pure da cestino

per portare a casa verza, pomodoro e zucchino;

per raccogliere mele e pere, sotto la pianta cadute,

cascate prima che tutte fossero … mature!.

 

Inoltre, quando il freddo poi arriva

per la legna del camino, da cesto serviva,

ma anche da soffietto per ravvivar la brace

quando la fiamma come morta giace.

 

Con un piccolo gesto fugace della mano,

il tavolo puliva se il Prevosto o il Cappellano,

arrivavano, inaspettati, la casa a benedire,

ed un goccio di buon vino bisognava pur servire !

 

Ma i grembiuli delle nonne, legati in vita,

son passati di moda, per loro è finita,

perché le nonne moderne, più che al nipotino,

son molto più attaccate … al telefonino !

 

'l ghè nè amò