Adès coma 'n bòt

di Vittorio Crapella - 05-02-2020


Adès coma 'n bòt

'N bòt ai se trüava, sopratüt d'anvèeren, 'n dèli stali, vargüu a nóma par cüntala, par ciacolàa o laoràa coli gügi par fa sǜ scalfaròc' o col carèl a filàa la lana de pegòra dopo vìla scartegiada coi scartèc';

'ntàat li vachi li rümiava e al pareva ca li scótés ontéera li ciacoli dela gèet.

Ai se regordava nom e nümer deli dati de nascita de tüc' o 'l numer di gerli de üa ca ieva töc' gió 'nde chèla vigna ca l'era tòt perteghi o àa quac' raas de fée 'n chèl àn ieva portàat itè 'ndeèla masǜ dol fée, e pò e pò...

Adès nüu 'n ghà ognantüu ol nòs stalèt col fanestrol cal varda itè 'n deli òtri stali e àa ca dès an se pasa ol gamüsèl dal faneströl par tignìi andàa ol fil dol discórs e an se regorda tüc' i nom deli midisini ca li ma pò fac' den gran bée o de chili ca an ghà ca üut gioaméet par negót.

 

 'l ghè nè amò

Adesso come una volta

Una volta si trovavano, soprattutto in inverno, nelle stalle, qualcuno solo per contarla, per chiacchierare o lavorare coi ferri per fare la calza o coll'arcolaio per filare la lana di pecora dopo averla cardata con gli appositi attrezzi (cardatori); intanto le mucche ruminavano e pareva ascoltassero volentieri i discorsi della gente.
Si ricordavano nomi e numeri delle date di nascita di tutti o il numero di gerle d'uva raccolte in quella vigna che era grande tot pertiche, o quante grosse gerle colme di fieno avevano portato nel fienile in quell'anno e poi e poi.
Adesso noi abbiamo ognuno la propria stalla con la finestrella che guarda dentro le altre stalle e anche adesso ci passiamo il gomitolo dalla finestra per tenere in piedi il discorso e ci ricordiamo tutti i nomi delle medicine che ci hanno fatto del gran bene e di quelle che non ci hanno dato nessun giovamento.