Alpìi

traduzione di Vittorio Crapella


alpìi, s.m. --> alpino (militare) | la ròba püsée preziosa ca gh'ò, l’è ól me capèl d’alpin! = la cosa più preziosa che ho è il mio cappello d’alpino

L'ho trovata in italiano su una pagina Facebook di Alessandro Pellegrini (BG) e l'ho voluta tradurre perché è una storia emozionante che qualcuno ha vissuto sicuramente anche in Albosaggia

Sito degli alpini di Albosaggia

libera traduzione di Vittorio Crapella 

 

´L testaméet d'en alpìi

En d'en casèt avèrt dól cümò dèla stànsa,

en dena scàtola coloràda dal fǜm e dal tèep,

'l ghè 'na lètera piegada scriǜda col làpes,

pó sóta´n òrganìi,

e 'na foto de ´n gióen alpìi.

 

En chèla stànsa da léc’ 'l me compagna ól mè pà,

´n alpìi dól mìla nofcènt dódes,

chè par testaméet,

'l völ regalàa, dól sò alpìi fradèl,

'n regòrd al sò alpìi noèl.

 

Völi chè ti te savesèt de chèl tò źìo galantóm,

chè ti te miga conósüut,

chè sül fiór dèla vìta par la Rǜsia

l'è partìit e l'è pǜ tornáat; mi e la tua màma par mìga desmentègal,

quànca ti te sée nàsüut 'n ta dàc' ´l sò nóm.

 

Te védet fiṍl, 'l me tórna spès ala mèet ´l dispiaśé dèla tua nòna,

e 'l me pàr amò de idìla sül ǜs de cà a speciàl,

col l’ ültèma lètera dal frónt 'ndeli màa,

'l lè léigeva sóta óos e ala fìi la sintìvi piàisc.

 

Lètera, foto e òrganìi, 'ncöö völi datei 'ndi màa,

'l mè traguart l'è órmài aprṍf; fiṍl te racomandi,

tegn pìz sǜ chèla fàcia 'n lümìi, nèsé.

la storia prosegue Al la speciàat chèl apìi

 'l ghè nè amò

Il Testamento di un alpino

 

In un cassetto aperto del comò della stanza,

in una scatola colorata dal fumo e dal tempo,

c’è una lettera piegata scritta a matita,

poi sotto un organino,

e una foto di un giovane alpino.

 

In quella stanza da letto mi accompagna mio padre,

un alpino del mille novecento dodici

che per testamento,

vuol donare del suo alpino fratello,

una memoria al suo " alpino novello”.

 

Voglio che tu sappia di quel tuo zio galantuomo,

che tu non hai conosciuto,

che sul fior della vita per la Russia

è partito e non è più ritornato; io e tua madre per non dimenticarlo,

quando tu sei nato ti abbiamo dato il suo nome.

 

Vedi figliolo, mi ritorna spesso alla mente il dispiacere di tua nonna,

e mi sembra ancor di vederla sull'uscio di casa ad aspettarlo,

con l’ultima lettera dal fronte nelle mani,

la leggeva sotto voce, e alla fine la sentivo piangere.

 

Lettera, foto e organino, oggi voglio donarti nelle mani,

il mio traguardo è ormai vicino, ti raccomando figliolo,

tieni acceso su quel viso un lumino, mi raccomando.

                             Alessandro Pellegrini febbraio 2002