Bàt la segia

di Vittorio Crapella 2017


PICÀA LA SEGIA

"Cuntèm sù chèl ca te sée dól "bàt la segia" ca 'l me 'ntèrèsa belebée".

´N bòt sù 'ndei mùuc' li vàchi li restàva sèmpre de fó, ghèra ca masù par pudìi mèteli di tè tǜti.

'N gèner ogni mùut 'l pódeva vìch sù dali 80 ali 120 vàchi e de chìsti 40/70 da làc’.

Se 'ndàva a mùigeli àa lontàa 800/1000 metri dala bàita e ´l làc’ mùigiüt 'l vegneva portáat a spàla col bagiöl, ´l clasèch légn curvàat, sagomàat par ès pugiáat sü la spàla e con dùu zapèi fò 'n fónt par tacàa-sü i sadéi piée de làc’.

Bignava savìi caminàa 'ndei sentér con 'l bàgiol, con dùu sadéi tacàac' sènsa fài balàa e sènsa dùnca travacàa fò gnàa na góta de làc’, l'era ´na braüra mìga da pòoch.

´N di àgn '60 se cuminciàva a üsàa àa i sadéi de lumìnio ma en gèner ghera amò schérp en légn.

Ûu piscén l'era la segia chè se üsàva par mùisc e òtri pusè grànc' i segiù ca i tegnéva giò ol dùpi, ognapòoch 15/22 lìtri.

Par stàa sentáac' a mùisc se üsàva 'l scagn, chèl sgabèl de légn fàc' scià con´n tòch de bùra de pèsc, sgrósada con tacàat 'n tochèl de ràm par fàa la gàmba, iscè da utignìi la pàart piàta par pugiàa gió ´l tafanàri.

'L sgabèl tignìit en màa par la gàmba e ´l segiù de légn tignìit ´nde l' òtra màa còma 'n tambǜr, pestàndoch sùra col spìgol dól sgabèl 'ndel fianch piàt del segiù, 'l sunàva e iscè ´ndel silènsio dèla móntàgna 'l mandàva

li óndi del sùu lóntàa da pudìi vès sentüut da spónda a spónda dèla vàl.

A dàch i cólp giǜst ´l sùu 'l podeva ès üsàat par comunicàa trà la géet en bàita e chìli iloréet a li vàchi; l'era ol telefónìi dèla generaziù d'en bòt.

Regòrdi ca 'l sirvìva par viśàa a esémpi ca l'era prónt la colaziù o la marènda.

A esémpi dòpo vì muigüut dendómáa a cüràa li vàchi 'l restàva dùu bagài, i cascii par tignìli ünìdi ´ndel barèch, 'ndùa ieva pasàat la nòc’ o ´l dì a pósàa, par mìga lagàli ´ndàa ´ndel pascól nṍf.

A ´n cèrto uràri, quànca i pastór en bàita i'eva sistemáat ´l làc’, la légna e quant' òtro, 'l vegneva preparàat la colaziù facia

de làc’ e cafè o cacao, ognantǜu ´ndèla scüdèla de légn (ol ciapèl) 'l ghé stredolàva giò 'l pàa sèch cola la mèla .

Ilura se bàteva ´l segiù de légn par ciamàaa i cascii, iscé ǜü di dùu bagài 'ndàva de córsa ala bàita par fàa 'l sò disnàa e pò dòpo 'l tornàa a dàch 'l cambi a l'òtro.

 

'l ghè nè amò

In risposta ad uno che mi chiedeva:

"Raccontami quello che sai del battere la "segia" che mi interessa molto"....

Un tempo sugli alpeggi le mucche rimanevano sempre fuori, non c'erano stalle per poterle contenere tutte, in genere si avevano alpeggi che mediamente ospitavano dagli 80 ai 120 capi con 40 / 70 mucche da latte.

Si andava a mungerle anche magari a 800 / 1000 metri di distanza dalla baita e il latte munto veniva trasportato a spalla con il classico legno semi curvo sagomato per essere appoggiato sulla spalla e con le due tacche per appendere i secchi con il latte.

Anche questo di sapere camminare sui sentieri con questo legno (bagiol nel nostro dialetto) e con i due secchi attaccati senza farli ballare e senza dunque rovesciare del latte, era un abilità non da poco.

Negli anni '60 si cominciava ad utilizzare pure i secchi di alluminio ma in genere c'erano ancora tanti recipienti in legno.

Uno di tipo piccolo la ségia che si utilizzava per mungere e altri praticamente con capienza doppia di circa 15 / 22 litri (segiù).

Per stare seduti a mungere si utilizzava "el scagn" quello sgabello di legno ricavato in genere da un tronco di pino sfruttando il primo pezzo di ramo per fare la gamba e il pezzo di tronco sgrossato per ottenere la parte piatta per appoggiare il sedere.

Lo sgabello tenuto in mano per la gamba e il secchio di legno tenuto nell'altra mano a mo' di tamburo, pestandogli sopra il lato piatto del secchio con lo spigolo dello sgabello faceva suonare il secchio che, nella quiete e il silenzio della montagna, mandava le onde sonore lontane al punto di essere udite da sponda a sponda della valle.

Dando adeguati colpi con giusto ritmo il suono poteva essere identificato per comunicare tra il personale in baita e quelle presso le mucche; era il telefonino di preistorica generazione.

in genere ricordo che serviva ad avvisare ad esempio che era pronto la colazione o il pranzo.

Ad esempio dopo la mungitura del mattino rimanevano due ragazzi (detti cascii) a custodire le mucche tenendole unite nel circondario dove passavano la notte o il giorno a riposare per non lasciarle andare nel nuovo pascolo.

Ad un certo orario quando i pastori in baita avevano sistemato il latte, la legna e quant'altro, veniva preparato la colazione, in genere latte e caffè o cacao dove si tagliuzzava del pane secco con la "mèla" (roncola), ognuno nel proprio "ciapel" (scodella di legno) .

A quel punto battevano il secchio di legno così uno dei due ragazzi andava di corsa alla baita per fare la sua colazione e tornare a dare il cambi all'altro.

by Vittorio C.