'l bósch d'envèren

traduzione dal libro Nembro di Graziano Murada


30-11-2020

'l bósch d'envèren

I bósch d'envèren iè védri trasparenc' 'ndùa ol tèep al se quièta a speciàa li prümavéri ca al ghe tuca la sòort.

Par mìis tǜt 'l rèsta 'mpalàat, fìs, 'ndorméet 'ndèla lónga nòc’ 'nvèrnal, a speciàa chèla bèla stagiù, coi prǜm colóor ca'i se pìza e i rùa a baśàa la tèera par desedàla dal sógn.

Sfümadüri sutìli, dulsi, còldi li rapìs 'l ṍc’ de chèl gèet ca'l và par ol bòsch e al se péert col cöo èn chèsto momènt a caminàa i sentéer batüuc' dali bólp 'ngìr par truàa vargüu a lóor par stàà 'n cumbrìcola.

Li créspi 'ndèla rüsca dèli piànti iè lüsenti, ciàri, sènsa trüch, cóma li fémmi apèna desédi e cóma chìsti li mèt sǜ 'ndèl paśaport la sùa véra fàcia.

Créspi ca li se fà sèmpri pǜsé fóndi manimàa chè i àgn i pàsa.

Sbiótàdi dol vistìit estìif li mèt 'n mondèela li fórmi, sènsa pura ma cola cràpa òlta coma chi deli végi legiù.

Cólsi dè mǜs-c’ ca li cuprìs dala part püriva li piànti pǜsé végi, quaśi a protesc' chìli bòri végi dal pasàa di àgn, par fàch idìi a chèl ca'l pàsa ilò 'ndue al nàs e al tramónta 'l sùul.

Li gióeni rógni li cerca spàzi, quaśi a sgombètadi, li fà a pǜgn a córèchréet al cél par truàa la lǜüs.

Sutìi sberlùsc de lǜüs i vée sǜ dal teré, pìscen gǜgi vérdi ca li varda 'l mónt 'ntóren; iè i gét ca ògna àn, cola precisiù dela natüra, ai scandìs i dì e li certézi dèl tò taquìi.

Li fói gió bàs iè iló a speciàa, cóma se üsàva fàa fìna a quai tèep fà, dè vès carezadi dal pécen dè fèr (ol rastilìi del patüsc') ma ahimè, li sà ca che la mèsa èn piéga se la üsa ca pǜ e a lóor al ghè rèsta nóma de speciàa ca la röda dèla vìta ai iè fàa marscìi par fàa dapé cuncìm e tornàa 'ndùa iè ignüdi.

 'l ghè nè amò

Il bosco d’inverno

I boschi d’inverno sono vetri trasparenti dove il tempo si ferma in attesa delle primavere che ci tocca in sorte.

Per mesi tutto rimane immobile, fisso, addormentato nella lunga notte invernale, aspettando che la bella stagione, con i primi colori accesi, giunga baciare la terra, risvegliandola.

Sfumature tenui, dolci, calde rapiscono lo sguardo del visitatore che si inoltra in questo periodo a percorrere i sentieri battuti dalle volpi in cerca di compagnia.

Le rughe degli alberi sono nitide, chiare, senza fard, come le donne appena sveglie; e come queste mettono sul passaporto la loro vera identità.

Increspature che si fanno via via più profonde man mano che gli anni passano. Spogliati del vestito estivo mettono a nudo le forme, senza pudore, ma con la fierezza di antiche legioni.

Calze di muschio rivestono a monte le piante più vecchie, quasi a proteggere quei tronchi anziani dall'incedere dell’età e indicando al viandante fini punti cardinali.

I giovani virgulti cercano spazio, quasi sgomitano, fanno a pugni per conquistare la luce, inseguendo il cielo.

Sottili riflessi salgono dal terreno, piccoli aghi verdi che guardano il mondo attorno; sono i getti che ogni anno, con bucolica puntualità, scandiscono i giorni e le certezze della tua agenda.

Le foglie per terra sono in attesa, come si usava fino a qualche tempo fa, di essere accarezzate dal pettine di ferro, ma ahimè, non sanno che la messa i piega non si usa più e a loro non rimane che aspettare che il ciclo della vita le trasformi in humus, per ritornare da dove sono venute.

Ghè a Ol bósch èn quarantena