La bólp 'ngórda

di Vittorio Crapella - 20-07-2018


LA BÓLP 'NGÓRDA  

La bólp la girónzóla itè en dèl bósch e la trua, 'ndèl böc' de 'na piànta, ròbi de maiàa ca ol padrù del bósch l'eva piacàat ilò.

La se fàcia scià piscéna piscéna par püdìi infilàs itè 'ndel böc par maiàa chili ròbi buni ròbi da lecàs scià i bàf , da piach dai òtri ànimai del bosch .

La gha dàc' a maiàa e pó amò a maiàa e pó amò 'n pìt.

L'eva mài maiàt iscè tàat da quànca l'è nasüda.

Quànca l'à finit tüta la ròba ca gh'era ilò, e itè en del böc gh'era ca pü niént, la 'öl vignìi de fò ma la ghe rua ca gnàa ca möves. L'era talmèt gròša per tüt chèl ben di Dio ca l'à mandàat gió en del vètro ca 'l böc 'l s'era spiscinìt.

Lée, talmèt 'ngòrda, la ca capìt che la cólpa l'era tüta sùa e la pensàva ca la piànta la sè fós spiscinida.

La gh'à ruàat nóma a mèt fò la cràpa e la se mèsa a óosàa: "Aiüt, aiüt ! tirem fò da chèsto böc maledèt !"

Própi en chèla 'l pasa 'na bènola e la bölp: "Ehi, bènola, 'ütem a vignìi fò da chilò, chèsta piànta l'è ignüda piscéna e l'è réet a sufocàm !"

"Ghe credi ca ", la ghe dìs la bènola 'ntàt ca la grignàva.

"Chèla piànta l'è amò iscé adès còme stadòma quànca so pasada da chìlò, magàri te se ti cha te sèe 'ngrósada."

"Piantala ilò de dì sǜ stüpedàdi e tirem fò !" la bölp la gh'à dic' a óos forta: "te védet ca ca so réet a crepàa !"

"La te stà bée, iscè te 'npàret a maiàa iscè tàat. Te védet ca ca te ghèe i öc' püsèe grànc' del tò stomèc.

'L te convèe stàa ilò a dimagrìi 'n póo, iscè dòpo te pödet vignìi de fò da partì !"

Iscè la bölp la doüt stàa ilò en chèl böc par dùu dì e dói lónghi nòc'.

Da ilùra l'à ca pü maiàat iscè tàat, la capìt la leziù.

(by Vittorio Crapella - 20-07-2018)

 

 'l ghè nè amò

LA VOLPE INGORDA

C'era una volta una volpe che girovagava dentro il bosco e trova, in un buco di una pianta, cose buone da mangiare lasciate lì dal padrone del bosco.

Si fa piccola piccola per potersi infilare nel buco e non farsi vedere dagli altri animali mentre mangiava quelle leccornie.

Ha continuato a mangiare e poi ancora a mangiare e ancora un poco.

Non aveva mai mangiato così tanto da quando era nata.

Quando ha finito tutto quello che c'era, e dentro il buco non c'era più nulla, voleva uscire ma non riusciva nemmeno a muoversi.

Era talmente grossa per tutto quel ben di Dio che aveva mandato giù nel ventre che il buco si era ristretto.

Lei, talmente ingorda, non capiva che era colpa sua e pensava che la pianta si fosse rimpicciolita.

É riuscita solo a mettere fuori la testa e si è messa a gridare: "Aiuto, aiuto ! tiratemi fuori da questo buco maledetto !"

Proprio in quel mentre passa una donnola e la volpe: "Ehi donnola, aiutami a uscire da qui, questa pianta è diventata piccola e mi sta soffocando !"

"Non ci credo", gli dice la donnola intanto che ridacchiava.

"Quella pianta è ancora così adesso come lo vista questa mattina quando sono passata di qui, magari sei tu che ti sei ingrossata."

"Smettila di dire stupidate e tirami fuori !", la volpe gli ha gridato; "non vedi che sto morendo !"

"Ti sta bene, così impari a mangiare così tanto. Non vedi che hai gli occhi più grandi del tuo stomaco.

Ti conviene rimanere lì a dimagrire un po', così dopo potrai uscire senza bisogno che altri ti aiutino.

Così la volpe ha dovuto rimanere in quel buco due giorni e due lunghe notti.

Da allora non ha più mangiato così tanto, ha imparato la lezione.