'N besòl lamenteól

di Vittorio Crapella -07-08-2013


'N besòl lamenteól 

Aprof a ca mia, en de 'n tóchèl de pràat cintàt, gh'è itè quài animài; par vès püsèe precìis gh'è 'na càora, 'n bósc', trìi caoréc' e àa 'n àsèn; negòt de fò de mèret ma 'l me vèe de cüntàa sü chèl ca 'n dì le sücés par capìi cóma certi òlti àa 'l comportamèt dei animài l'è püsèe sensàat de chèl cha se póo pensàa.

'Ntàat che rügavi itè en del compiuter, gòo sentüt 'n besòl stràa, cóma 'n lamèet de 'n caorèt, ca 'l sarìs pasàat àach sènsa dam da pensàa se 'l fodès ca stàc' tòp ècesif.

Sòo 'ndàc' fò n'del balcù, sintivi ma vidìvi ca negòt, gh'era 'na técia ca la me 'mpidiva la vìsta; 'ntravidivi nóma l'àsèn, 'l bósc', la càora e dùu dei trìi caoréc', tüc' ilò remac' scià 'n póo strànic' ca i vardava vargót.

Capivi ca chèl ca l'era réet a sücét, i pareva àa tüc' tranquii.

Tüt a 'n trato 'l bósc' 'l pica la cràpa da quài pàart e sübet pensi ca 'l podeva vès, dal rümóor, li scorgnadi cuntra 'na quài às, ma capivi gnàa'mò 'l mutìf.

Quasi pensavi 'l fodès pròpi 'l bósc' ca 'l ghe dava cràpadi al caorèt e lǜü 'l se lamentàs par chèl, ma 'l se lamentàva àach sensa besógn ca 'l bósc'  'l picàs la cràpa e ilùra òo pensàat ca 'l pödeva ca vès.

L'è méi ca en do gió a idìi, e iscé ò fàc'.

Quànca so ruàat ilò ò idüt 'l caorèt con la cràpa itè i mèz al spazi de dói às, a sbüsàa 'l gh'à ruàat a mandàa itè la cràpa ma a tiràla fò 'l ghe ruava ca pü.

L'è bastàat fàa leva sǜ üna deli dói às par liberàc la cràpa e sübèt l'è schizàat ià a zómp contét de vès dapè liber de möves, e a i ótri i gh'è 'ndàc' réet a lór a zompàa tüc' contéc'.

Nóma a chèl pùnto ò capìit chèl ca l'arìs ulüut fàa 'l bósc', l'era pò réet a ulìi truàa de liberàa 'l caorèt ma 'l picava la cràpa al cuntrari, se l'arés picàda da l'ótra, l'às la se sarìs desciodada e 'l ghe sarés ruàat a liberal.

Purtròp 'l gh'eva ca abòt esperiesa coi às e i ciòot e 'l picava la cràpa da l'ótra ma l'idea l'era de ruàch a liberàa 'l sò fiöl.

Àa l'àsèn a sò dic' l'era ilò ca 'l pareva réet a pensàc sǜ par truàa la soluziù.

Quànc òo töc' sǜ e só 'ndàc' i me vardava en de 'na manéra ca mi gh'ò 'nterpretàat cóma se i volès ringraziam par chèl ca ò fàc' par löor.

Móral dela storia l'è che àa 'l Sgarbi quànca 'l dis "capra, capra" l'è 'n cumplimet a chi ca 'l pensa de ófènt, cóma àach spès se usa dàc' del àsèn ai nòs pulitec gió a Roma ma 'l parerès ca i meritès ben òtri insülc' par chèl ca i cómbina a nósi spési.

(Vittorio Crapella ) 

 Il racconto in dialetto rispetta il contenuto ma non sempre la traduzione corrisponde parola per parola.

      'l ghè nè amò

Un belato lamentevole

Vicino casa, in un recinto, ci sono alcuni animali, per l'esattezza una capra, un capro e tre capretti e un asino, niente di particolare in sé ma merita di raccontare questo aneddoto per capire come a volte i comportamenti degli animali siano più sensati di quanto si possa immaginare.

Mentre ero qui davanti al PC sentivo un particolare lamentevole belato di un capretto che sarebbe anche passato inosservato se la sua insistenza non fosse stata a mio avviso eccessiva.

Uscito in terrazzo sentivo ma non vedevo il responsabile perché coperto da una piccola tettoia ma si intravedevano asino, capro, capra e anche gli altri capretti riuniti in una sorta di concertazione strana.

Al momento non capivo cosa stesse succedendo perché sostanzialmente quelli che vedevo erano apparentemente sul tranquillo.

Ad un certo punto il capro prese una sua decisione e lo vidi pestare a forza il suo testone contro quello che immaginavo dovessero essere delle assi anche dal rumore che percepivo, ma rimaneva comunque un mistero il suo operato e quasi in un primo momento pensavo fosse pure quello il motivo del lamentevole belato che sentivo.

Mi tranquillizzai subito visto che il lamento non corrispondeva alle testate del capro ma decisi di andare a vedere cosa stava succedendo.

Arrivato sul posto mi accorsi che in pratica un capretto aveva spinto la testa fra la fessura di due assi che nella spinta hanno permesso l'entrata della testa ma poi facevano da presa e non permettevano il ritorno quando il capretto la voleva ritrarre per liberarsi.

É bastato far leva e flettere una delle assi per liberare l'animaletto che subito partì con gran sollievo a saltellare per il recinto con al seguito tutti gli altri che fino a quel momento erano li quasi come se volessero occuparsi loro della liberazione.

Solo a quel punto compresi quanto avrebbe voluto fare il capro con le sue testate, e sarebbe pure riuscito nel suo intento se avesse pestato dal lato opposto: infatti sarebbe risuscito a schiodare una delle assi e liberare il capretto.

Purtroppo non aveva sufficiente esperienza con le assi e i chiodi e per questo pestava dal lato sbagliato ma lui l’idea di liberare suo figlio l'aveva avuta eccome.

Ma pure l'asino a suo dire era li che pareva pensare a quale soluzione prendere.

Quando me ne andai mi guardarono in un modo che io interpretai quasi di ringraziamento.

Morale della storia è che anche il Sign. Sgarbi quando insiste con "capra, capra.." forse fa solo un complimento a chi intende offendere come pure spesso si da dell'asino ai nostri politici ma parrebbe meriterebbero ben altri insulti viste le loro malefatte.