'N póor scialésc

di Vittorio Crapella - 07-09-2018


Voce di Vittorio C.

'N PÓOR SCIALÉSC'

'N scialéc'  'l se lamentàva parchè i gh'è taiava sèmpre giò i ràm par ligàa i cóo della vìgna ilò visìna e 'l ghe pareva de vès sèmpre 'n póo guàst e brüt sènza ràm.

Ilùra 'l ghe pensa sǜ' n póo e 'l crét che se ilò tacàat a lüü ghe fodès quài òtra piànta al pòst deli vìit dela vìgna, magàri i sò ràm i pudaris crès béi òlt vèrs 'l cél.

'L ghe vée en mèet la piànta de züca ca la gh'à ca besógn deli  scialésci  per ligas da quài part, la ghe rùa daperlée a tacàs e crès.

Iscè òl scialésc, 'ntàat ca i sò ràm i creséva dapé 'n bòt, 'l speciàva ca 'l ruàs 'n quài puìi amìis da pudìi domandàc se i ghe portava 'na quài somèza de züca da mèt giò ilò 'ntóren a lüü.

'N dì, quànca i sò ràm i'erasǜ bei òlt, 'l rùa 'na gàgia ca la se piàca itè en mèz par miga lagàs ciapàa da l'àigola che la ghe córeva réet.

Òl scialésc' 'l ghe dis sénsa speciàa tròp: "Oh che bel puìi ca te se, vist che i mée ràm i ta salvat e che òtri òlti te se vignüt chilò a grignàa e schersàa con i töo amìis e te truat ripar a per i tö amóor, t'aréset de fam a ti 'n piasè a mi, truàa quài somézi de züca e pó pòrteli chilò giò bàs 'ntóren a mi.

De pàga, se pó te völet, te laghi fàa la gnàda sùra la mia cràpa itè 'n mèz a i mée ràm."

La gàgia con 'n so vèrs la gh'à fàc' capìi ca l'arès fàc' de tüt per portàc li somézi de züca e la töl sǜ e la ula ià.

Dòpo pòoch la rùa con li somézi 'n del bèch, la sgària 'n póo la tèra 'ntóren al scialésc' e la ghe piànta giò li somezi e pó, còli źàti, la ghe trà süra 'n póo de tèra .

La gàgia la salüda òl scialésc' e la va par 'l bósch 'ndùa la scirnìt de fàa àach la gnàda sǜ 'na piànta pusée òlta del scialésc', però ogni tàat la pasava a truàl e iscè la vedeva àa li züchi crès.

Li züchi en pòoch téep li se tacàdi ala rüsca del scialésc' e i'è ruadi sǜ ai ràm e li se tacàdi a ilò; li fa fò li söi foi gràndi ca li ghe tö ià la lüüs al scialésc' e pó al büta fò quài züchi redóndi e li vée sèmpre püsée gròśi e pesanti.

Iscè quài ràm del scialésc' i se piéga giò bàs, òl scialésc' 'l se da 'n scürlida par fàa da giò li züchi ma li stàva tacàdi ai ràm.

Òl scialésc' stüf de chèl pées 'l ghe domanda al vèet de dàc' 'na màa a liberasen.

Chèl 'l se mèt a bufàa fórt ca 'l póor scialésc', fórsi àach 'n póo véc', 'l se fracà sǜ 'n dùu tòch fina giò al pè.

'l se mès a caràgnàa coma 'n disperat e la cunclus ca l'era 'n póor scialésc' ca 'l pödeva ca fàa niént òtro che la fìi de tüc' i scialésc'.



(by Vittorio C. - 07-09-2018)

UN POVERO SALICE

Un salice si lamentava perché gli tagliavano sempre i rami per legare i tralci della vigna lì vicino e gli sembrava di essere un po' brutto e guasto senza rami.

Allora ci pensa un po' e crede che se li attaccato a lui ci fosse qualche altra pianta al posto delle viti della vigna, magari i suoi rami potrebbero crescere belli alti verso il cielo.

Gli viene in mente la pianta di zucca che non ha bisogno dei vimini per legarsi da qualche parte, riesce da sola ad attaccarsi e crescere.

Così il salice, intanto che i suoi rami crescevano ancora una volta, aspettava che arrivasse un qualche uccello a cui chiedere se gli portava qualche seme di zucca da mettere giù sotto attorno a lui.

Un giorno, quando i suoi rami erano su belli alti, arriva una gazza che si nasconde dentro in mezzo per non lasciarsi prendere dal falco che gli correva dietro.

Il salice gli dice senza aspettare troppo: "Oh che bel uccello che sei, visto che i miei rami ti hanno salvato e che altre volte sei venuto qui a ridere e scherzare con i tuoi amici e hai trovato riparo anche per i tuoi amori, dovresti farmi un piacere; trova qualche seme di zucca e poi portali qui giù per terra attorno a me."

La gazza con un suo verso gli fa capire che avrebbe fatto il possibile per portargli le sementi di zucca e vola via.

Dopo poco arriva con i semi nel becco, gratta un po' la terra attorno al salice e pianta le sementi e poi, con le zampe, gli rimette sopra un po' di terra.

La gazza saluta il salice e va per il bosco dove ha scelto di fare anche il nido su una pianta più alta del salice, però ogni tanto passava a trovare il salice e così vedeva anche le zucche crescere.

Le zucche in breve tempo si attaccano alla corteccia del salice e arrivano ai rami e si attaccano a quelli; fanno le foglie grandi che gli tolgono la luce al salice e poi spuntano delle zucche rotonde che vengono sempre più grosse e pesanti.

Così qualche ramo del salice si piega verso il basso, il salice si da una scossa per far cadere le zucche ma queste restano attaccate ai rami.

Il salice stufo di quel peso domanda al vento di dargli una mano a liberarsi delle zucche.

Quello si mette a soffiare forte che il povero salice, forse anche un po' vecchio, si spacca in due pezzi fino ai piedi del tronco.

Si è messo a piangere a dirotto come un disperato e ha concluso che era un povero salice che non poteva fare altro che la fine di tutti i salici.

 'l ghè nè amò