Òl lüf travistit da pégora

di Vittorio Crapella - 19-07-2018


Voce di Anna Gherardi

ÒL LÜF TRAVISTIT DA PÉGORA  

'L lüf véc l'era de pèsèm umóor.

'L s'era fàc' mal a 'na žàta e l'era ilò, ca 'l se möeva ca pǜ tàat, bütat gió sǜ 'na scàgna a dóndól.

L'è da 'na sitimàna ca 'l va ca pǜ gnàa a càscia.

En cà 'l gh'era pǜ negót de maiàa e 'l so stómec 'l brontólava bélébée.

'L cólmo dèla sfürtüna 'l völ ca pròpi sóta 'l so nàas gh'era ilò agnèi bùu da maiàa sübet.

'L gh'à dàc' 'n'ögiàda a chèl ca l'era restàat del so ültem pàst: 'na pèl de pégora strógia e quài òs già mastegac' 'n muntù de òlti.

"I gh'à pǜ gnàa l'ódóor de ròba de maiàa", la mógnólat 'ntàat ca 'l gh'à dàc' ilà con 'na žàta de chili bùni.

De cólp 'l ghe vée i mèet 'na bèla pensàda.

"Ma cóma o fàc' a ca pensàc' sǜ prüma ! Se me vistìsi sǜ cóma 'na pégora gh'ò ca besógn de duìi 'ndàa a càscia. Gh'ò nóma de 'ntrüfólam itè en mèz a tüti li òtri pégori icè pös scirnìi fò l'agnèl gròš e gràs ca 'l me piàs püsèe."

Cò'la buca 'n póo urìda cóma se 'l fodès réet a grignàa, 'l se mès a post la pèl de pégora sǜ li spàli.

Vèrs sira, òl lüf 'l zòpegàva ma 'l gh'à ruàt a 'ndà ilò 'ndèl pràat ndùa gh'èra i pégori e 'l spécia ca 'l rùìi la nòc'.

La trüada del lüf la funsiunat e bèe àach !

'L pastóor 'l la ca cunusüut e 'l la lagàat 'ndàa itè 'ndèl recinto có'li òtri pégori veri.

'L lüf vèc 'l tigniva la cràpa bàsa e iscè la ca pudüt acorges ca 'l pastór 'l ghèva un cortèlasc' lónch infilàat 'ndèla cintüra deli bràghi.

"L'è da 'n bèl póo ca gné mi gné i mée en mangia càrna de pégora frésca", la pensat 'l pastór 'ntàat ca col didulù 'l pruava a tastàa 'l fil dèla lama del cortèl.

"'Stà sìra porti a ca par tüc' càrna de pégora e'n fa fèsta da rè."

Con 'n žómp 'l ciàpa l'animàl püsèe gròš de tüc' e 'l ghe taia li sàneli.

Quànca 'l gira la bestia 'l se acorsc' ca 'l gh'eva sgozàt 'na pèl de pégora, 'ndùa sòta gh'era 'l so vèc nemìis, òl lüf ca'l tò sǜ e 'l scàpa de corsa con li trei žàmpi restàdi alrìc'.

'L pastór con la ghigna de 'n ràbbiat 'l ghe óosa réet: "Vegia carógna de 'na carógna la te 'ndàcia màal stà òlta, eh ? Stà lontàa da li méei pégori, parchè se te ciapi te foo sǜ a tòch e pó maìi 'n bel ròst de lüf ."

(by Vittorio C. - 19-07-2018)

 

'l ghè nè amò

IL LUPO TRAVESTITO DA PECORA

Il vecchio lupo era di pessimo umore.

Si era fatto male ad una zampa ed era li, che non si muoveva più tanto, sdraiato su una sedia a dondolo.

È da una settimana che non va più nemmeno a caccia.

In casa aveva più nulla da mangiare e il suo stomaco brontolava parecchio.

Il colmo della fortuna vuole che proprio lì sotto al suo naso ci fossero degli agnelli buoni da mangiare subito.

Ha dato un'occhiata agli avanzi del suo ultimo pasto: una pelle di pecora sporca e qualche ossa già masticate più volte.

"Non hanno più nemmeno l'odore di roba da mangiare", ha mugugnato intanto che li buttava in là con una delle zampe sane.

Di colpo gli viene in mente una bella idea.

"Ma come ho fatto a non pensarci prima !

Se mi vesto come una pecora non ho bisogno di andare a caccia.

Devo solo intrufolarmi dentro in mezzo a tutte le altre pecore del branco e così posso scegliermi l'agnello più grosso e grasso che mi piace di più.

Con la bocca un po' aperta come se sogghignasse, si sistema la pelle di pecora sopra le spalle.

Verso sera, il lupo zoppicava ma è riuscito ad entrare nel prato assieme al gregge e aspetta che arrivi la notte.

La trovate del lupo ha funzionato e anche bene !

Il pastore non la riconosciuto e la lasciato entrare nel recinto con le altre vere pecore.

Il lupo vecchio teneva la testa bassa e così non ha potuto accorgersi che il pastore aveva grosso coltello infilato nella cintola.

"È da un bel pezzo che che né io né i miei mangiamo carne di pecora fresca", ha pensato il pastore che nel frattempo con i pollice verificava il filo della lama del coltello.

"Questa sera porto a casa per tutti carne di pecora e facciamo festa da re."

Con un balzo afferra l'animale più grosso di tutti e gli taglia la gola.

Quando gira la bestia si accorge che aveva sgozzato una pelle di pecora, dove sotto c'era il suo vecchio nemico, il lupo che scappa di corsa con le tre zampe rimaste buone.

Il pastore con il ghigno da arrabbiato gli urla dietro: "Vecchia carogna di una carogna ti è andata male questa volta, eh ? Sta lontano delle mie pecore, perché se ti prendo ti faccio a pezzi e poi mangio arrosto di lupo."