Òl rèdès sül pirèr e la strìa

di Vittorio Crapella - 19-09-2018


ÒL RÈDÈS SÜL PIRÈR E LA STRÌA 

Gh'era 'na òlta 'n paes 'ndùa 'l crèseva piànti de pirèr cargàac' de pìr.

'N de üu de chìs-c’ pirèr 'ndava sǜ 'n rèdès a maiàa giò i pìr ca i ghe piasiva 'n bèl póo.

'N dì 'ntàat ca l'era sǜ 'ndèl pirèr, 'l pàsa ilò sóta 'na strìa, végia e catìva; la ghe ciama sǜ, quasi 'n póo de gnèch: "Bàtem giò 'n pìr a ca mì !".

Ól rèdès quànca la idüut ca l'era 'na brüta végia con 'na ghìgna da catìva cóma 'na strìa, 'l ghe dìs:

"No, de pìr te 'ndóo ca, te sée tròp brüta e végia, pò te me piaset ca tàat".

"Sóo magra e brüta cóma òl pecàat parchè màai ca tàat ma sóo ca catìva, fà 'l brao nésé, dàm 'n pìr ca góo tàata fàm".

Al rèdès la gh'à fàc' compasiù e iscè l'à ciapàat 'n pìr e, 'ntàat ca 'l l'è tégneva 'ndèl picòl, l'à slongàat giò la màa par dagol a la végia; lée l'à ghà ciapàat òl bràsc' e i l'à tiràat giò dal pirèr e pò i l'à 'nfilàat de prèsa 'ndèl sàch ca la ghera réet e i l'à ligàat scià bée par miga lagàl scapàa.

La strìa la córeva col sàch sǜ li spali ma la bufàva e 'l ghe ignüut sìit.

Le ruàda 'nde 'n pòst 'ndùa ghera ilò üu ca al tirava sǜ, còla corda, òl sadèl piée de acqua dal póz, e iscè la sè triga ilò e la völ acqua de bìif.

L'óm 'l ghe dómanda: "Che ca te gh'è giò 'n dèl sàch de iscè gréf da vic' iscè tàata sìit ?"

"Gh'ò giò quai tartifòi ca ò töc' al marcàt", 'n tàat la trinca fò tüt ól sadèl e póo l'è ca abòt, e giò amò acqua par 'l canarüz. Con tüta chèla acqua al ghe ignüut de fàa la pìśa, la laga ilò òl sàch e la va ià de corsa deréet a 'n murunér.

'N tàat ca la tira sǜ li petonèghi, tira giò i mudandù e fàa 'n bèl póo de pìśa, l'óm, curióos, al desligàa òl sàch. Con maravéia al vìt 'l rèdès che i lè mada ditè 'n ca sùa sübèt e debòt al ghe mèt giò 'n cagnusc’ e prüma che la végia la tornés, al liga scià bée amò òl sàch.

'N chèla le scià àa la strìa ca la ca idüut niént, la òlsa sǜ 'l sàch, 'l càa al se möf e lée la pènsa ca lè ol rèdès e la va tüta ciapàda e già la vedeva la coldérà con giò 'l rèdès che al bóieva par fal cöös, la gh'eva póo 'n méet de maiàl.

Ruàda a cà, 'ntàat ca la öidàva fò 'l sàch giò 'ndèl coldéràt, la idüut 'l càa; la sgranat i öc' e la se mèsa a ósàa, ma órmài gh'era ca pǜ negòt da fàa.

Chèsta òlta la gh'è ca 'ndàcia bée par niént e lè restàda con 'n pügn de móschi cóma chèl dèla maschèrpa.

(by Vittorio C. - 19-09-2018)

 

'l ghè nè amò

IL BAMBINO SUL PERO E LA STREGA

C'era una volta un paese dove crescevano piante di peri carichi di pere.

In uno di questi peri saliva un bambino per mangiare pere che gli piacevano assai.

Un giorno intanto che era sul pero, passa lì sotto una strega, vecchia e cattiva; con fare nervoso gli dice:

"Buttami una pera anche a me !"

Il bambino quando ha visto che era una brutta vecchia con il ghigno da cattiva come una strega, gli risponde:

"No, di pere non te ne do, sei troppo brutta e vecchia, poi non mi piaci affatto."

"Sono magra e brutta come il peccato perché mangio poco ma non sono cattiva, fai il bravo mi raccomando, dammi una pera che ho tanta fame."

Al bambino gli fa compassione e così prende una pera e, intanto che la teneva con il picciolo, allunga giù la mano per dargliela alla vecchia; questa gli prende il braccio e lo trascina giù dal pero e poi lo infila di fretta nel sacco che si portava dietro e lo lega ben bene per non lasciarlo scappare.

La strega corre col sacco sulle spalle ma ansimava e gli venne sete.

È arrivata in un posto dove c'era uno che tirava, con la corda, il secchio pieno d'acqua dal pozzo, e così si ferma li e vuole acqua da bere.

L'uomo gli domanda: "Cosa hai nel sacco di così pesante per avere così tanta sete ?"

"Ho giù qualche patata comperata al mercato", intanto tracanna tutta l'acqua del secchio e poi non gli basta e giù ancora acqua per il gargarozzo.

Con tutta quell'acqua gli è venuto il bisogno di fare pipì, lascia li il sacco e va di corsa dietro a un gelso.

Intanto che tirava su le vesti, tirato giù i mutandoni e fatto un mare di pipì, l'uomo, curioso, slega il sacco.

Con stupore vede il bambino che lo manda subito dentro casa e in fretta gli mette dentro un cane malandato e, prima che la vecchia tornasse, lega bene ancora il sacco.

Nel frattempo anche la strega è di ritorno ma non ha visto nulla, alza il sacco, il cane si muove e lei pensa che sia il bambino e si incammina tutta presa e già si immaginava la grossa pentola con dentro i bambino a bollire per cuocerlo, aveva poi in mente di mangiarselo.

Arrivata a casa, intanto che vuotava il sacco giù nel pentolone, ha visto il cane; ha sgranato gli occhi e si è messa a urlare, ma ormai non c'era più nulla da fare.

Questa volta non gli è andata per nulla bene ed è rimasta con un pugno di mosche come quello della ricotta.