Sentéer stupàat

di Vittorio Crapella - 13-06-2018


Sentéer stupàat

Sentéer ormai stùp, e pensàa ca 'n bòt i pasàva col càr a portàa fò 'l vendül e pó a 'l carbù.

Vardàa, adès coi cavéi grìis, chèla bàita 'ndùa da piscén gh'ò pasàat tàac' dì e tàati nóc', 'n pìt de magù 'l vee sènsa ulil.

Nóma 'l rümóor del Liri l'è restàat cóma ilùra, tüt 'l rest 'l par tornàat en màa a la natüra, i piànti i'è ignüdi sǜ dapartüt e te védet pü gnàa 'n pràat.

El me vée i mèt quànca dendómàa se vedeva l'umbrìa ca la vegneva en gió da l'òtra parte dèla montàgna en de chi pòoch spazi sènsa pianti en del bósch, se vedeva ià i camósc a mangiàa scià l'èrba prüma che i vés a piacàs pèna i vedeva 'l sùul.

E la sìra, quànca 'l cuminciàva 'l scür dèla nòc', che bèl pudìi scoltàa tüc' i canc' o i vèrs de cèrti animài, 'l caorabèsol, 'l tululùu, la sciguèta e sèmpre da lontàa 'l Liri ca 'l portava la sùa acqua gió par la val, laigió en del piàa tra Caiöl e 'l Bosàgia.

Ah, cóma 'l sàrìs bèl püdìi tórna rèdes e giügàa amò 'n bòt ...

(Vittorio C. - 13-06-2018)

 'l ghè nè amò

 

 

 

Sentiero chiuso

Sentiero ormai chiuso, e pensare che un tempo passavano con i carri che portavano fuori la neve ghiacciata ed anche il carbone.

Guardare, adesso che ho i capelli grigi, quella baita dove da piccolo ho passato tanti giorni e tante notti, un po' di nostalgia viene senza volerlo.

Solo il rumore del Livrio è rimasto come allora, tutto il resto sembra tornato in mano alla natura, le piante sono cresciute ovunque e non si vede più nemmeno un prato.

Mi viene in mente quando al mattino si vedeva l'ombra che scendeva dall'altra parte della montagna e in quei pochi spiazzi senza piante del bosco, si vedevano là i camosci brucare l'erba prima che si nascondessero all'arrivo del sole.

E alla sera, quando cominciava il buio della notte, che bello poter ascoltare tutti i canti o i versi di certi animali, il succiacapre, il gufo, la civetta e da lontano il fiume Livrio che portava la sua acqua giù per la valle, laggiù nel piano tra Caiolo ed Albosaggia.

Ah, come sarebbe bello poter tornare bambino e giocare ancora una volta ...