'N a strana divisiù


Trìi fradéi e 'na strana divisiù

‘N óm al gheva trìi fiöi.

l’è ‘ndac’ dal notar e l’à fac’ gió chèsto tèstaèet:

Al prüm fiöl ghe laghi la metà de la mia roba,

Al segont ghe laghi la quarta part,

Al tèrs fiöl ghe laghi la sèsta part.

Quanca l’è mort l’à lagàat deréet ündes vachi.

I trìi fiöi i se mès réet a rognàa parchèe ündes l’era ca divisibel gné par dùu, gné par quatro gné tantomeno par sées.

Ilura iè ‘ndac dan sapient cal gà dic’: rognée ca bagai, ve regali ‘na vaca de li mei iscé li vachi li diventa dódes ca l’è divisibel par dùu, par quatro e par sées.

Tüc’ contéec’ ià fàc’ la divisiù:

òl prüm fiöl l‘à ciapàat sées vachi (dódes diviso dùu)

òl segont 'l 'na ciapàat trei (dódes diviso quatro)

òl ters l‘à ciapàat dói vachi (dódes diviso sées).

A la fìi ià fac’ la sóma 6 + 3 + 2 = ündes.

òl sapient l’eva mès dacordi i trìi matei e ‘l s'era tegnüt la sua vaca.

 

Altra versione  leggermente diversa con audio 

Trè fratelli e una strana divisipne

Un uomo aveva tre figli.

È andato dal notaio e a sottoscritto il testamento:

al primo figlio lascio la metà della mia roba,

al secondo lascio la quarta parte,

al terzo lascio la sesta parte.

Quando è morto ha lasciato in eredità undici mucche.

I tre figli si sono messi a litigare perché undici non era divisibile né per due né per quattro e tanto meno per sei.

Allora sono andati da un sapiente che gli ha detto: "non litigate, vi regalo io una mucca delle mie così diventano dodici che è divisibile per due, per quattro e per sei.

Tutti contenti sono riusciti a fare la divisione: 

il primo ha avuto sei mucche (dodici diviso due)

il secondo ne ha avute tre (dodici diviso quattro)

il terzo ne ha avute due (dodici diviso sei)

Alla fine hanno fatto la somma  6 + 3 + 2 = undici

Il sapiente aveva messo d'accordo i tre ragazzi e si era ripreso la sua mucca. 

                            Video