Nóo vìst de tüc' i colóor


'mbòt, ilò réet a 'na fontana e al lavatòi ghéera quai femmi e a quai óm...

Al pasa ùu dol paées, ai iè varda e al conós la Bianca, la Rosa, la Cilistina ca iera 'nsema a una bionda e 'n'òtra mora propi nigra, cal li lavava i pagn; 'ntàat ilò sentac' sül mürèt dèla fontana, a cüntala, ghéera a 'l Celèst 'nsèma al Rós di 'nité e, stò tàal cal pasava iló al fa:

<'ndèla vìta nóo visti de beli e de brüti ma al m'era gna mò capitàat de idìn de tüc' i colóor, tüc' 'nsèma coma 'ncóo>

 

Una volta, nei dintorni ad una fontana e al lavatorio, c'erano alcune donne e qualche uomo...

Passa di lì uno del paese, guarda e riconosce Bianca, la Rosa, la Celestina che erano assieme ad una bionda e un'altra mora proprio nera, che lavavano i panni; intanto lì seduti sul muretto della fontana, il sign. Celèst chiacchierava assieme al Rosso della Moia e, questo tale che passava di lì, esclama:

<Nella vita ne ho viste di belle e di brutte ma non mi era ancora capitato di vederne di tutti i colori, tutti assieme come oggi.>