Géśa de Santa Caterina
Parrocchiale di Albosaggia

géśi geśöi e capitéi

<...La prima Pietra di questa Chiesa fu benedetta da Agostino Vescovo di Salisbery addì 20 Marzo del 1354 come consta dall Archivio di detta Chiesa e la Consecrazione ne fu fatta nel 1421 nel giorno di Martedì 21 di Gennajo dal Vescovo di Lodi il Frigerio, colle dovute licenze dal Vescovo di Como, e dal suo Vicario ottenute; essendo presenti Silvestro del fu Tognino e Giacopo del fu Bartolommeo de' Rovedatti...>   dal libro del 1755

SANTA CATERINA                         La campana BAIONA

Costruito a partire dal 1354 nello stesso luogo dove sorgeva l‘antica chiesetta di Sant‘Antonio, l‘edificio assunse le forme attuali con la ricostruzione seicentesca che ne modifico‘ di molto la struttura originaria e che vide impegnati, fra gli altri, maestri ticinesi e lapicidi della cerchia di Gaspare Aprile da Carona, grande architetto dell‘epoca.

Le sei cappelle laterali della chiesa presentano raffinate decorazioni di autori diversi; vi sono conservati due bei dipinti di Giovan Battista Recchi ed una notevole pala dell' altare, opera di Cesare Ligari, raffigurante la Morte di S. Giuseppe (1739). Sono invece custoditi presso il Museo di Storia e Arte di Sondrio due grandi dipinti di proprietà della chiesa raffiguranti la Natività e la Nascita di S. Giovanni Battista, il primo ritenuto opera di Sigismondo De Magistris (1523 circa).

Come molte chiese, anche quella di Albosaggia aveva intorno il cimitero e disponeva di un ossario che si trova sul retro, addossato al presbiterio; sulla destra si trova invece l‘oratorio di San Ciriaco, costruito alla fine del Cinquecento come sede della Confraternita del Santissimo Sacramento. 

Beni culturali della lombardia

 'l ghè nè amò

Percorsi tra chiese e paesaggi di Albosaggia

LINK UTILI