Müradóor
Muratore

mestér

par fa sü 'na cà 'l ghe völ 'l müradóor = per costruire una casa ci vuole il muratore

 

par fa sü 'na cà = per costruire una casa:

chèl ca s'à da fàa, chèl ca s'à da duperàa = quello che si deve fare, quello che si deve usare:

  • ghe völ 'l terè = ci vuole il terreno
  • 'l sirvis 'n progèt = serve un progetto
  • giomètra per 'l progèt = il geometra per il progetto
  • pagàa 'l cümü = pagare il comune (oneri)
  • avìch ól permès = avere il permesso (licenza )
  • tacàa fo ól permès = appendere la licenza edilizia
  • traciàa fo i àngoi sul terè = tracciare gli angoli sul terreno (vedi nota con disegno)
  • fàa 'l scàaf = fare lo scavo (per le fondamenta)
  • bachéti de fèr = bacchette di ferro
  • ligàa sü ól fèr = preparare le bacchette di ferro
  • cìment-armàt = bütüm =sabbia, ghiaia e cemento con acqua
  • getàa i fondamèec' = gettare le fondamenta

 

'n bòt per 'l scàaf se üsava noma = una volta si usava solo:

  • zapù = piccone
  • badìl = badile, pala
  • sadèl = secchio da muratore
  • cariöla = carriola
  • piàa 'nclinat coi légn e li às = piano inclinato con legni ed assi

'ncóo, per 'l scàaf, se üsa la pàchèra = oggi, per lo scavo, si utilizza l'escavatore

  • gèra col cìment = bütüm = malta per le fondamenta assieme alle armature in ferro

'n bòt dopo vì fàc' i fondamèec' se tirava sü i müur de sàs a vista con itè la mòlta, per fa sü la mòlta prüma del ciment i üsava la culscìna e sabbia = una volta, dopo aver preparato le fondamenta, realizzavano i muri in sasso a vista tenuti assieme dalla malta, per impastare la malta prima del cemento usavano la calcina e sabbia.

  • sàs de opera = sassi per muratura (si prendevano alla minèra)
  • ól böc dela culscìna = il buco, la fossa della calcina si scavava nelle vicinanze della costruzione dove si metteva calce viva ed acqua per renderla una amalgama da poter usare mischiata alle varie tipologie di sabbia a seconda dell'uso (medio grossa per i muri e sabbia fine per gli intonachi). La calcina presa dalla fossa è rimasta in uso anche dopo l'avvento del cemento, utilizzata solo per intonacare gli interni.
  • sàc de cìment =sacco, sacchi di cemento
  • sàbbiù = sabbia grossa
  • sàbbia fìna = sabbia fine (per stabilitura)
  • colónda = tronco d'albero secco dritto e lungo conficcato nel terreno per realizzare i ponteggi prima dell'utilizzo di quelli in ferro
  • tàoli = tavole di legno
  • ciòot = chiodi
  • puntec' = soppalchi esterni alle mura della casa
  • girèla co la còrda = carrucola con la corda
  • arganèl = argano con fune in acciaio per tirare verso l'alto sassi, e secchi di malta o altro
  • tràaf = travi (quando si facevano le solette con le assi appoggiate sulle travi conficcate nei muri) o di larice o di castagno
  • perteghéti = listelli di legno, venivano fissate sotto le travi di sostegno del soffitto di un locale per poi poter intonacare
  • fildefèr = filo di ferro
  • fisèlla = filo tirato in orizzontale usato come riferimento per realizzare il muro in maniera diritta in orizzontale
  • barèla = barella fatta da due legni con fissato degli spezzoni d'assi usata dai manovali per portare sassi o mattoni ai muratori
  • piómp = spezzone di funicella con appeso un tondino di ferro terminante a punta per verificare se il muro saliva perfettamente verticale
  • livèl = livella o bolla (per verificare la perfetta posa in orizzontale di una cosa)
  • stàgia = staggia, asta lunga dritta e a superficie liscia usata per stendere la malta o per verificare la linearità di una parte
  • pùnta = punta in ferro per scalfire usata con il mazòt
  • mazòt = grosso martello pesante
  • martèl = martello usato per rompere i sassi o smussarli
  • gabàz = grosso vassoio, un tempo in legno poi in lamiera, per contenere la malta
  • cazöla = cazzuola
  • bulugnìi = blocchi rettangolari (circa 20 x 10 x 15) fatti di ghiaia e cemento realizzati in loco con uno apposito stampo di legno
  • quadrèi stùp = mattoni, quelli pieni (rossi)
  • quadrèi trìi-fori, quatro-fori = mattoni con i fori
  • pignati = particolari mattoni per le solette in cemento armato
  • talocia = tavoletta con impugnatura sulla superficie inferiore, su cui il muratore mette la malta che gli serve di volta in volta
  • fratàz = frattazzo
  • fratàzìi = piccolo frattazzo

 

chel ca 'l fà ól müradóor = cosa fa il muratore:

  • l'arma sü co' li às = prepara l'armatura con le assi (per contenere il ferro e il cemento armato)
  • 'nciòda li às ai legn de sòstegn = fissa le assi ai legni di sostegno con i chiodi
  • 'l posa i sàs = sovrappone i sassi in maniera ordinata
  • col martel 'l smüsa i sas per squadrai = col martello smussa i sassi per renderli di forma più quadrata (idonei per la posa sul muro)
  • 'l tira la fisèlla = fissa il filo orizzontale
  • l'usa 'l piómp = verifica se il muro sta crescendo dritto in verticale
  • 'l fa sü la molta o 'l bütüm = impasta la sabbia o ghiaia con il cemento e acqua per avere malta o bitume utilizzando il badie. Al posto del badile ora si utilizza la (bütüméra) betoniera
  • 'l töl sü la molta dal gabàz con la cazòla = prende la malta dal "gabàz" con la cazzuola
  • 'l scirnìs i sas per pó metei sü che i se liga bèe fra lór = scegli i sassi per poi posarli in maniera che si legano bene fra loro
  • 'l met li scài de sàs = mette le scaglie di sasso ('l müur l'è bel scaiàt = il muro è bello con le scaglie giuste al posto giusto)
  • 'l tra sü la molta con la cazöla = butta la malta con la cazzuola
  • 'l fa sü i cantinèli = realizza le pareti in mattoni forati
  • 'l rebuca gió la cantinèla = intonaca la parete, che separa un locale dall'altro, realizzata in mattoni
  • 'l tira la stàgia = tira la staggia (per stendere adeguatamente la malta dell'intonaco buttata con la cazzuola)
  • 'l fratazza = usa il frattazzo per lisciare la malta dell'intonacatura

 

Mϋradör de Gròos:

‘N müradöor de Gròos l’è ‘ndac’ dal dotór a fas visitàa parchè l’era stìtech, ‘l dotór al gà dic’:

Toni ‘n che lingua ò da ditel da miga duperàa la carta del cimèet par frega gió ‘l cül!

 

Nota:

Per realizzare gli angoli retti, per definire i contorni di una casa, i muratori applicano il teorema di Pitagora.

Prendono un filo lungo esattamente 12 metri poi dove deve nascere il vertice dell'angolo piantano un paletto di forma rettangolare o quadrata, fanno passare dietro il filo poi ne stendono 4 metri su un lato e poi spostano il filo fin quando misurano 3 sull'altro lato.

Ne consegue che automaticamente l'ipotenusa sarà di 5 metri, cioè la radice quadrata della somma dei quadrati dei lati 3x3=9 4x4=16 9+16= 25