Sàs
Sasso

òtri

Sàs = sasso generico ma se diventa un masso di una certa importanza assume il nome di cràp.

Quello della foto forse sarebbe più corretto chiamarlo cràp

Vargü i disarà l'è püsèe acqua che 'n sàs. L'è própi püsèe acqua che òtro ma chel sàs 'l ghà vargót de stràa, 'l póo ca vès nasüt iscè sènsa che i ghe metés i màa adòs per fal scià squàdrat con chi angoi quasi prècis.

'L vèe sübet da pensàa a 'na quài stòria de chìli végi dè 'n bòt cóma chìli de òtri sàs, ad esémpi 'l böc del diàol o àach 'l cràp de la Magàda, 'l cràp del Mainèt e chel de la Curùna. Per savìn püsèe prüa varda i Toponimi.

Sò ca se par grignàa o sül seri gh'è chi ca la dic': "ilò l'è nascundüt 'l tesor dei Nibelunghi, chel gh'à 'n valór fò de merèt"; dicia iscè 'l par própi 'na bala, ma àach se 'l fòdes 'l sarès bel conósela la srtoria cóma 'n sà tüti li òtri.

Specèm a vidìi se pó i le cünta sü.

_____________

Qualcuno dirà che è più acqua che un sasso. È proprio più acqua che altro ma quel sasso ha qualcosa di strano, non può essere nato così senza che gli mettessero addosso le mani per renderlo così squadrato con angoli quasi precisi.

Viene subito da pensare a qualche storia di quelle vecchie di una volta come quella di altri sassi, ad esempio il buco del diavolo o il Crap della Magada, il Crap del Mainet o quello della Curùna. Per saperne di più vedi i Toponimi.

Non so se per ridere o seriamente c'è chi ha detto: "Lì è nascosto il tesoro dei Nibelunghi, di un valore inestimabile"; detta così sembra proprio una balla, ma se anche fosse sarebbe bello conoscerla come sappiamo tutte le altre.

Aspettiamo a vedere se poi la raccontano.