Ó fàc' èn sógn


di Paolo Piani  15-03-2020

Ó FÀC’ ÈN SÓGN

Ó fàc’ èn sógn …

e da cuntàfol senti òl bisógn:

 

èn brüt dì èn móstro l’èra ruàat

e tüti li persóni l’eva ‘nfetàat

èn dèl nòs Paés iscé delicàat e bèl:

‘n de pòoch tèep la fac’ èn sfracèl !

 

Li persóni li se malava a mila a mila,

còma ‘n de la pàia ‘na scintila

la vìa èn gran fughéri…

ghéra pü pòst ‘n di cimitéri !

 

‘Ndi òspedài dotór e ‘nfermiéer

i confondéva òl domàa còl iéer,

par cercàa da mèt- ‘na pèza

ai dagn de ’sta brüta schifèza.

 

Par limitàa ‘sta brüta ‘nfiziù

i gha pruibìit a la popolaziù

da vignìi de fó da la sùa cà,

specialmènt chìi de ‘na cèrta età:

 

nòma la spésa te podevèt fàa,

ma pèna la ròba da maiàa:

tüti li fabrichi i-éva seràat,

ensèma a bar, cinema e marcàat!

 

Èn gir par li stradi nügüu che ‘ndava

nòma èn solènch ca ‘l cöör al ciapava,

‘nsèma a ‘n silénsi quasi da tómba,

ca ‘ndèli óregi al te rembómba !

 

Pò ‘n bèl dì sè sintìit cantàa

da tàati finéstri l’inno italiàa:

parché nùu de ‘sto Paés che và a farfàli,

me da trèbülàa par tiràa fó li bàli !

 

E sübet i sindacati e i ‘mprenditór

i à stüdiàat l’acórdi par salvàa l’onór,

e anca òl Governo la pàas la truàat,

e l’Europa la crapa l’à sbasàat …

 

Parché l’è quànca ‘l te manca li róbi amàdi

ca te capisèt da vìli sót gamba ciapàdi:

chèsta l’è stàcia la püsé gran binszina

ca la ma dàc’ da ricuminciàa l’adrenalina!

 

E quànca ‘stò virus me la ciapàat,

e coma ‘na piva me l’à sgunfiàat,

l’insegnamènt de l’Agrippa ma siguìit, 1)

… e ‘na grant spinta ‘ndèl cöór ma sintìit:

 

tüc’ da la stèsa part ‘n sé mèss a remàa ,

tüc’ ‘n sé mèss a crapa baśa a laoràa,

tüc’ èn base al guadàgn li taśi a pagàa,

tüc’ la natüra e la lége a respètàa,

tüc’ la mafia a refüdàa,

tüc’ a fàa sènsa criticàa,

tüc’ òl pròsem a amàa,

tüc’ ma capìit: che bèl, so Italiàa !!!

 

 

di Paolo Piani                                                         'l ghè nè amò

 

sèmpre  chèl argomèet

 

amò 'n òtro

HO FATTO UN SOGNO

Ho fatto un sogno …

e di raccontarvelo sento il bisogno:

 

un brutto giorno un mostro era arrivato

e tutte le persone aveva infettato

nel nostro paese così delicato e bello:

in poco tempo ha fatto uno sfracello!

 

Le persone si ammalavano a migliaia,

così come una scintilla nella pagliaia

accende un fuoco altero…

non c’era più posto al Cimitero!

 

Negli ospedali dottori e infermieri

confondevano il domani con l’ieri,

per cercare di mettere una pezza

ai danni di questa brutta schifezza.

 

Per limitare questa brutta infezione

hanno proibito alla popolazione

di uscire dalla propria dimóra,

specialmente dopo una cert’óra:

 

solo la spesa si poteva fare,

ma solo la roba da mangiare:

tutte le fabbriche avevan serrato,

insieme a bar, cinema e mercato!

 

In giro per le strade, nessuno si vedeva,

solo una malinconia che il cuore ti prendeva,

insieme ad un silenzio quasi di tomba,

che nelle orecchie ti rimbomba!

 

Poi un bel giorno cantar si è sentito

l’inno d’Italia da finestre e ogni sito:

perché noi di questo Paese che va per farfalle,

dobbiamo tribulare per tirar fuor le palle !

 

E subito Sindacati e Imprenditore

han studiato l’accordo per salvar l’onore,

e anche il l Governo la pace ha trovato,

e l’Europa la testa ha abbassato …

 

Perché è quando ti mancan le cose amate

che capisci di averle sottostimate:

questa è stata la miglior benzina

che ci ha dato di ricominciare l’adrenalina!

 

E quando questo virus l’abbiamo acchiappato,

e come un palloncino l’abbiamo sgonfiato,

l’insegnamento di Agrippa abbiam seguito,

… e una grande spinta nel cuore abbiam sentito:

 

tutti dalla stessa parte ci siam messi a remare ,

tutti a testa bassa ci siam messi a lavorare,

tutti in base ai guadagni le tasse a pagare,

tutti la natura e la legge a rispettare,

tutti la mafia a ripudiare,

tutti a fare senza criticare,

tutti il prossimo ad amare,

tutti abbiamo capito: fieri dobbiamo andare

di poter dire: che bello, sono Italiano !!!

e dirlo col cuore in mano ….

 

NOTE

 

  1. – Menenio Agrippa: Agrippa spiegò l'ordinamento sociale romano metaforicamente, paragonandolo ad un corpo umano nel quale, come in tutti gli insiemi costituiti da parti connesse tra loro, gli organi sopravvivono solo se collaborano e, diversamente, periscono; conseguentemente, se le braccia (il popolo) si rifiutassero di lavorare, lo stomaco (il senato) non riceverebbe cibo ma, in tal caso, ben presto tutto il corpo, braccia comprese, deperirebbe per mancanza di nutrimento.